pane e radici

«Senza una casa, tutto è frammentato»

John Berger

Che fai sulla porta? Entra!

Mi chiamo Giulia Maria e sono una chef che ha deciso di tornare a casa, perché se lo “starci” può sembrare dèmodè, viverla non lo è affatto.

 

La casa è un luogo intimo che può trasformarsi in uno spazio vivo e sociale, dove mettersi comodi e abbassare la guardia. Qui godiamo del calore dell’accoglienza che ruota intorno al buon cibo e al profumo del pane appena sfornato.

Ed è proprio nella mia cucina che preparo il pane per voi.

scopri i prodotti che sforno ogni giorno

Nulla come il pane ci lega ad una memoria universale e ogni ricetta racconta una storia. 

Una storia più lenta di quella che leggiamo nei libri, ancorata alle strutture del quotidiano più che alle gesta dei grandi personaggi.

Ma è proprio nel cibo che sono racchiuse le nostre storie: se ci pensiamo bene è qui che custodiamo la maggior parte dei nostri ricordi.

pane e radici

Cenare in buona compagnia raccontandosi davanti a un camino acceso è forse il simbolo stesso dello “stare insieme” che ci connette a un sentire comune. Fare colazione con pane, burro e marmellata ci riporta ad uno stile di vita semplice, fatto di condivisione, in armonia con lo spazio che abitiamo. 

 

In quel momento ci sentiamo sereni, leggeri e protetti. Non ci manca nulla.

 

Un nuovo modo di vivere che accoglie il lato smart della vita, che ci circonda di bellezza e gentilezza è possibile.

 

Possiamo adottarlo tutti, fin da subito, perché non servono attrezzature particolari

o nuovi oggetti da comprare.

 

Basta ciò che già possediamo: con piccoli gesti e occhi nuovi possiamo ridare meraviglia al quotidiano.

Vuoi imparare a panificare a pasta madre insieme a me?