• Facebook - Grey Circle
  • Instagram - Grey Circle

pane e radici

© 2016 fatto con amore da me.

Maratona

August 14, 2016

 

La costa dell'Abruzzo profuma di agnello e di sale.
Sembra di atterrare in mare e poi sulle case. Il cielo è rigonfio di grigio e Chiara mi dice che gioca a biglie con le nuvole.

Dalla collina dei Bagni Vittoria il mare è di un verde pacato e poi petrolio. Un po' chiaro e un po' scuro. Ma non lo puoi prevedere.
Devo aspettare a mangiare l'agnello perché a quell'ora del mattino non lo fanno ancora.  A quell'ora del mattino è ancora più buono, in un cielo di eclissi, il burro ti avvolge.
Pranziamo con lo sgombro e le cipolle rosse, le alici marinate, la sabbia e l'aceto. Ho voglia di caldo, di aria di mare che ti atterra. Ho voglia di cozze ripiene, di pesce e di carne, di parmigiana.
Mi sveglio ed è quasi buio. Le polpette fritte di pane e formaggio con il sugo di pomodoro. Sta piovendo di traverso e il Pecorino lo mangio e lo bevo.
Resisto fino alle ultime note, fino al prossimo pranzo.
Sulla collina dei Bagni Vittoria, Sissina mi parla di coraggio, di una vita di incastri e di andare via. Io sogno la cena e i piatti pieni di sguardi, aglio e salsicce che sporcano le dita di rosso. 
Sopra al tramonto sparpagliamo risposte vaghe, restiamo sospese a cercare. 
Forse quando cerchi davanti al mare in fondo in fondo speri di non trovare niente, così puoi restare lì a guardare. Hai la scusa di non dover spiegare perché stai lì fermo, senza arrancare.

Forse non cerchi davvero. Fai finta di vivere.
Nel primo buio che arriva dal Gargano troviamo la chiave e la fame.
Poi le luci colorate al soffitto, la burrata, la festa, il fegato di pecora, gli occhi scuri del sud, il pane e il pomodoro, gli anni.
Mentre mangiamo l'agnello ognuno bela la sua solitudine.

Please reload

Post in evidenza

Levrieri in affido: la mia battaglia per riportare Jim a casa

June 1, 2019

1/2
Please reload

Post recenti

July 10, 2018

June 19, 2018

May 10, 2018

Please reload

Categorie
Please reload

Cerca per tag