Invito all'ascolto | La cuccumella napoletana


Ci sono piccoli rituali a cui dedico tempo.

A volte mi chiedo perché mi piaccia tanto prendermi qualche istante in più per rendere speciale la colazione e osservare come dopo tanti anni alcuni vecchi cimeli funzionino ancora.

Uno di questi cimeli è la napoletana di mia nonna, tutta ammaccata e rimasta inutilizzata per chissà quanto.

Quando ho ricominciato a utilizzarla per qualche caffè nel weekend mi sono accorta che semplicemente mi dava gioia: non quelle gioie leggere, ma di quelle un po' più profonde, che danno conforto.

Un conforto intimo, che ti lega al momento presente perché ti invita all'ascolto:

preparando questo caffè si deve ascoltare l'acqua che inizia a bollire, poi passa nel filtro ed infine il silenzio. Solo ascoltando si può capire quando passare al gesto successivo, a un'altra fase, fermarsi.


Provatela al mattino presto, o in un pomeriggio silenzioso

Potete trovare vecchie cuccumelle napoletane a poco prezzo in qualche mercatino; basteranno pochi caffè per prenderci la mano.


Ecco i passaggi per preparare il caffè.


1

L'acqua va nel contenitore senza beccuccio e il caffè nel contenitore cilindrico con la base del filtro. Non pressate il caffè: adagiatelo fatelo assestare picchiettando leggermente il contenitore.

Per quanto riguarda la quantità d'acqua, riempio il contenitore fino a circa 2 cm dal bordo: nelle cuccumelle moderne troverete l'indicazione del livello, ma questa a più di cento anni e vado abbastanza a sentimento.


2

Avvitate la parte superiore del filtro per coprire il caffè e inserite il contenitore cilindrico senza fondo nel contenitore con l'acqua. Poi posizionate la parte superiore della napoletana (quella con il beccuccio, per intenderci): andrà posizionata capovolta, con il beccuccio verso il basso perché poi andrà capovolta (foto 3).

Nelle caffettiere più nuove le due metà si avvitano e sono molto più stabili; nei modelli più retrò (come il mio) sono solo ad incastro.


3

Mettete la cuccumella sul fuoco e state in ascolto: quando l'acqua inizia a bollire afferrate i due manici e capovolgete la caffettiera con velocità, ma con delicatezza. Lasciate che l'acqua scorra attraverso il filtro: ci vorrà qualche minuto affinché il vostro caffè sia pronto.


4

Quando non sentirete più l'acqua attraversare il filtro, tutto il caffè sarà nel contenitore con il beccuccio, pronto per essere servito.

Rimuovete delicatamente la parte superiore con il contenitore del filtro facendo attenzione a non scottarvi e assaggiate: non lo trovate buonissimo?






54 visualizzazioni

scopri il mio eBook!

Anatomy of a muuuhrder

delitti in cucina: IL MANZO

Indaghiamo insieme per scoprire come cucinare arrosti e brasati senza misteri.

Sfoglia qualche pagina del libro!

Instagram

Facebook

© 2020 Pane e Radici - tutti i diritti sono riservati - Privacy Policy - Cooky Policy